Emicrania e mal di testa alla luce delle 5 Leggi Biologiche del Dr. Hamer

mal-di-testa-cinque-leggi-biologiche-df-hamer

Qual’è la paura più frequente manifestata da chi sopporta frequenti mal di testa?

“La testa mi scoppia”, cioè, la sensazione che il cervello abbia un problema e si pensa o teme che la pressione interna non potendo essere sfogata a causa della scatola cranica causi il dolore. In effetti questa ipotesi non è molto probabile, in quanto il cervello è sprovvisto di nocicettori e cioè: il cervello non ha sensibilità e teoricamente, lo si può trapanare senza avvertire dolore…ma eviterei di fare la prova a casa!

L’innervazione della testa, almeno in buona parte, è ad opera delle prime vertebre cervicali, significa che i nervi che trasmettono la sensazione di dolore stanno subendo, nel momento del dolore, una compressione proprio alla radice del nervo. Sentiamo male, quindi, in alcune aree della testa in modo più intenso e il dolore sembra pulsare. Molto spesso ci accorgiamo che girando la testa o cambiando posizione proviamo un minimo di sollievo e questo perché la compressione meccanica del nervo si modifica a seconda della posizione che assumiamo.

 

Significa che in quel momento abbiamo sciolto un pò la sensazione di non essere all’altezza a fare una certa cosa, svolgere un certo compito o ruolo, per cui i tessuti di derivazione mesodermica recente delle vertebre cervicali si stanno riparando con un piccolo edema di riparazione che va a toccare proprio un’innervazione della testa.

 

cinque-leggi-biologiche-donna

Mal di testa e emicrania alla luce delle 5 leggi biologiche

 

Vuoi conoscere in modo più approfondito le Cinque Leggi Biologiche del Dr. Hamer?

 

Visita la pagina dedicata agli Approfondimenti o gli altri articoli presenti in questo Blog.

Inoltre, ogni mese organizziamo degli eventi dedicati alla Nuova Medicina Germanica e alle Cinque Leggi Biologiche presso lo Studio di Calenzano oppure presso altri Centri Olistici. Visita la sezione Eventi per conoscere i prossimi appuntamenti.

 

 

Nota bene
Per applicare queste conoscenze nel concreto è categorica la precisione, così è importante non farsi autodiagnosi e non modificare alcun trattamento medico. Le informazioni sopra riportate non pretendono di essere complete ma possono permettere di osservare un processo in corso a fini didattici.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.