“Impariamo a galleggiare nell’acqua”

Citazione da Eckhart Tolle, Parole dalla quiete

 

 

 

 

…“Qualche volta accade che persone molto malate o anziane, diventino, per così dire, quasi trasparenti nelle ultime settimane, mesi o perfino negli ultimi anni della loro vita. Da come vi guardano, potete vedere una luce che risplende attraverso i loro occhi. Non vi è più alcuna sofferenza psicologica. Si sono arrese ed in questo modo la persona, il «me» costruito dalla mente si è già dissolto. Sono «morte prima di morire» ed hanno trovato la profonda pace interiore che è la realizzazione della loro immortalità.”…

 

 

Arrendersi è un atto di fiducia che ci porta a smettere di lottare contro le nostre sensazioni ma ad accoglierle, sentendole tutte fino in fondo, sia quelle che ci fanno tanto male o paura e sia quelle piacevoli, esplosive.

Per poterlo fare, il nostro corpo ha bisogno di tempo, di sentire che se si apre alle sensazioni, comprese quelle dolorose, non muore ma anzi ritrova elasticità, energia.

La fiducia il tuo inconscio la ritrova e sperimenta lentamente e ogni volta che ti accorgi che rivivere dei dolori infantili non uccide ma ti rende più forte e consapevole di te stesso.

In quel momento la fiducia cresce e quindi anche la possibilità di arrenderti davvero.

 

In fondo l’esempio dell’imparare a galleggiare in acqua è calzante: finché resti rigido e contratto cercando di contrastare la paura di affogare andrai a fondo rischiando davvero.

 

Nel momento in cui ti apri e allenti la tensione, l’acqua ti sostiene e arriva il piacere.

 

Tornare a scoprire la possibilità di arrenderti è un processo che può essere lungo, a volte spaventoso ma anche emozionante e pieno di vita. Può essere necessario farti accompagnare emotivamente da qualcuno per un “pezzo di strada” ma anche sperimentare questo da solo o rompendo uno schema di comportamento come per esempio fare un viaggio da solo, leggere un libro di qualcuno che ha cambiato vita, dire cosa senti veramente a qualcuno che ami ecc…

Arrendersi è qualcosa di ben diverso dal rassegnarsi.

Impariamo a rassegnarci molto presto nella vita ed è una lezione che impariamo ancora prima che la nostra mente razionale si sviluppi, è qualcosa che si imprime nel nostro inconscio, un modo di percepire, un’attitudine di vita.

 

  • Marco Meini
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.